« Back
Pubblica Amministrazione e sostenibilità ambientale

Criteri Ambientali da inserire negli appalti pubblici

Il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del Mare ha elaborato il “Piano d’azione per la sostenibilità dei consumi della pubblica amministrazione”, che di seguito chiameremo PAN GPP, il cui testo si può reperire sulla pagina specifica del sito del Ministero dell’Ambiente. Il piano è stato redatto accogliendo l’indicazione contenuta nella Comunicazione della Commissione europea “Politica integrata dei prodotti, sviluppare il concetto di ciclo di vita ambientale” ed è stato elaborato attraverso un ampio processo di consultazione con Enti locali e parti interessate e con la collaborazione degli altri Ministeri Competenti (Economia e Finanze, Sviluppo Economico). Adottato con Decreto Ministeriale n. 135 dell’11 Aprile 2008, ha l’obiettivo di massimizzare la diffusione del GPP (Green Public Procurement) presso gli enti pubblici, così da farne dispiegare in pieno le potenzialità in termini di miglioramento ambientale, economico ed industriale.

 È anche stato individuato un set di Criteri Ambientali Minimi (CAM) per ciascuna tipologia di acquisto nell’ambito di molte categorie merceologiche:

  • arredi (mobili per ufficio, arredi scolastici, arredi per sale archiviazione e sale lettura)
  • edilizia (costruzioni e ristrutturazioni di edifici con particolare attenzione ai materiali da costruzione, costruzione e manutenzione strade)
  • gestione dei rifiuti 
  • servizi urbani e al territorio (gestione del verde pubblico, arredo urbano)
  • servizi energetici (illuminazione, riscaldamento e raffrescamento degli edifici, illuminazione pubblica e segnaletica luminosa)
  • elettronica (attrezzature elettriche ed elettroniche d’ufficio e relativi materiali di consumo, apparati di telecomunicazione)
  • prodotti tessili e calzature
  • cancelleria (carta e materiali di consumo)
  • ristorazione (servizio mensa e forniture alimenti)
  • servizi di gestione degli edifici (servizi di pulizia e materiali per l’igiene)
  • trasporti (mezzi e servizi di trasporto, sistemi di mobilità sostenibile)

Nei documenti CAM si trovano indicazioni generali volte ad indirizzare l’ente a perseguire una razionalizzazione dei consumi e degli acquisti, fornendo anche le “considerazioni ambientali” collegate alle diverse fasi delle procedure di gara (quali oggetto dell’appalto, specifiche tecniche, caratteristiche tecniche premianti collegate alla modalità di aggiudicazione all’offerta più vantaggiosa, condizioni di esecuzione dell’appalto) volte a qualificare dal punto di vista ambientale sia le forniture che gli affidamenti.